Domenica 2 dicembre 2012 si svolgerà la festa dello Zampone di Modena e del Cotechino di Modena: in Piazza della Costituente a Mirandola (Modena) un giorno dedicato alle due eccellenze emiliane.

    La giornata sarà piena di appuntamenti. Ricordiamo anche che fu proprio nella città di Mirandola a nascere lo Zampone. La leggenda narra infatti che nel 1511, durante l’assedio dell’esercito papale di Giulio II, i cittadini di Mirandola, si inventarono lo zampone, da cui poi avrebbe avuto origine il cotechino.

    Lo “Zampone Day”, come è stata denominata la giornata, sarà interamente dedicata allo Zampone e avrà uno stretto collegamento con la tradizionale festa del Super Zampone che si tiene in concomitanza a Castelnuovo Rangone. Alle 12.00 è infatti previsto anche un collegamento dalla piazza di Mirandola alla piazza di Castelnuovo Rangone.

    L’anno scorso, il 3 dicembre di Modena, i due prodotti di eccellenza emiliani, furono sotto i riflettori di tutta Italia per festeggiare il cinquecentenario della loro nascita. Festeggiamenti che coinvolsero la città di Modena attirando molti giornalisti della stampa e delle televisioni. Quest’anno invece, il Consorzio ha voluto replicare un momento di attenzionalità che fosse sì per lo Zampone Modena e il Cotechino Modena, ma soprattutto per il territorio. La volontà è quella proprio di ritrovarsi dopo qualche mese dal sisma, per una giornata di convivialità, di gioia e anche di solidarietà.

    Se 500 anni fa l’invenzione dello zampone ha aiutato i mirandolesi a resistere strenuamente all’assedio, oggi – dopo le violente scosse del terremoto – è ancora lo zampone, assieme al cotechino, che vuole venire in sostegno della città con un evento che mira a calamitare l’attenzione dei Media nazionali su Mirandola, per incentivare la ricostruzione e la ripresa economica.

    La formula prevede lo svolgimento di uno Show Cooking con un abbinamento insolito: le “Rezdore”, le massaie-cuoche da secoli custodi e simbolo stesso della cucina tradizionale modenese, animeranno l’evento insieme a colui che è stato definito il più grande ed innovativo chef della cucina mondiale, Massimo Bottura.

    Se vuoi rimanere informato e aggiornato sui nostri articoli inserisci la tua email qui sotto: