Ogni anno l’1 novembre si celebra la Giornata Mondiale Vegan, festa istituita nel 1994 per il 50° anniversario della fondazione della Vegan Society. Il World Vegan Day è un modo per celebrare il movimento vegan in tutto il mondo e un po’ ovunque vengono organizzati numerosi eventi di divulgazione scientifica, tavole rotonde e iniziative volte a far conoscere il messaggio e la “cultura” vegana.

    Ma cosa significa precisamente “vegan”? Lo abbiamo chiesto a Samantha Alborno, “testa e cuore” di LaboratorioVeg, blog di cucina sperimentale vegetariana e vegana, uno dei siti più famosi in Italia sull’argomento.

    Molte persone sentono parlare di “vegan” e, cosa che mi infastidisce di più, spesso prendono una posizione a riguardo, a favore o contro, senza sapere neanche di cosa si stia parlando. Ci potresti spiegare cosa vuol dire “vegan” e in cosa si distingue dall’essere vegetariani?

    Chi sceglie l’alimentazione vegetariana elimina dalla sua alimentazione la carne e il pesce mentre chi è vegan esclude anche i derivati animali come latticini, uova e miele. Inoltre chi è vegan non utilizza nessun prodotto che prevede uno sfruttamento animale: lana, cuoio e pelle, seta, prodotti per l’igiene e la cura della persona.

    Molte persone trovano questa scelta estremista senza magari conoscere quello che si cela oggi dietro alla produzione industriale. Credo, come tu stesso hai sottolineato, che prima di avere una posizione a riguardo sarebbe interessante approfondire e iniziare a chiederci davvero cosa c’è nel nostro piatto e in tutto quello che utilizziamo. E’ una riflessione importante per ognuno di noi, indipendentemente dal risultato. Essere consapevoli di quello che facciamo è importante, in ogni ambito.

    Cos’è il world vegan day, che si tiene ogni anno l’1 novembre?

    La giornata mondiale vegan è una semplice occasione per far riflettere su certe tematiche collegate al mondo vegan: la riduzione dell’inquinamento, la riduzione della sofferenza degli animali e l’aspetto legato alla salute e alla cucina. Molte persone credono che mangiare vegano sia una grande rinuncia e che sia davvero difficile essere appagati quando si consumano solo alimenti di origine vegetale. In realtà tutto dipende da quanto abbiamo voglia di imparare e sperimentare una nuova cucina. Alcune persone mi dicono che hanno provato a mangiare vegan e non sono rimasti soddisfatti. A tutti loro dico sempre di riprovare.

    La differenza la fanno il cuoco e la qualità delle materie prime, ovviamente, proprio come nella cucina tradizionale. Io da quando seguo una alimentazione prevalentemente vegan mangio molto meglio di prima: legumi, cereali, verdure, frutta e frutta secca e semi sono la base della mia alimentazione e combinati in diversi modi possono dare risultati davvero impressionanti.

    Come possiamo partecipare al world vegan day? Ci sono manifestazioni, “fioretti” che si possono fare per iniziare ad avvicinarsi al vegan?

    Una cosa bella che possiamo fare tutti quanti è quella di organizzare una cena o un aperitivo tra amici in cui tutte le pietanze proposte sono vegan. Potete prendere spunto da laboratorioveg.it dove ci sono molte ricette invitanti oppure da altri siti internet vegan…ormai sono tantissimi! A Genova esiste anche un Gruppo di Acquisto Solidale Vegan del quale faccio parte. E’ aperto a vegan, vegetariani ma anche a chi è curioso di conoscere questo mondo.

    Credo che la cosa migliore da fare sia quella di informarsi con uno dei tanti libri disponibili, i più belli a mio parere sono “Se niente importa – Perchè mangiamo gli animali?” di J.S. Foer e “Il giorno in cui decisi di diventare una persona migliore” di Karen Duve, due saggi-romanzi che ci danno una visione ampia di quello che c’è “dietro le quinte”. Se volete altre informazioni potete contattarmi scrivendo a laboratorioveg@gmail.com e sarò lieta di rispondervi.

    Ciao Samantha, grazie e alla prossima!

    Grazie a te, sono contenta che qualcuno si interessi a queste tematiche con un modo di fare aperto e disponibile. Un saluto a tutti i lettori di OpenSociety.it!

    Se vuoi rimanere informato e aggiornato sui nostri articoli inserisci la tua email qui sotto: