Nei castelli di Langhe e Roero, domenica 28 ottobre 2012, si potrà partecipare a visite guidate dagli antichi abitanti dei manieri: storia, leggende e tradizioni di una terra antichissima.

    I castelli delle Langhe e del Roero rivivono i fasti del loro passato e aprono le porte dei loro preziosi saloni a una serie di visite molto particolari: per ‘Narrar castelli e vini‘ saranno gli antichi abitanti dei manieri, impersonati da attori in costume, a guidare le visite e narrare vicende storiche, leggende e curiosità legate ai ‘loro’ castelli.

    Al termine dei percorsi narrati di visita spazio naturalmente alledegustazioni di vini: non potrebbe essere altrimenti, in un territorio come le Langhe e il Roero, celebri in tutto il mondo per il loro straordinario patrimonio vitivinicolo. Organizzate presso le enoteche e le botteghe del vino presenti nel borgo che ospita il castello, oppure nelle pertinenze del castello stesso, le degustazioni coinvolgono i produttori locali e propongono il meglio del territorio.

    ‘Narrar castelli e vini, quest’anno alla XII edizione, è organizzato da Turismo in Langa, con il patrocinio della Provincia di Cuneo.

    I castelli protagonisti

    ‘Narrar castelli’ offre un viaggio a ritroso nel tempo per permettere ai visitatori di scoprire eventi e aneddoti memorabili, oltre a scoprire la ricchezza della produzione enogastronomica del territorio. Protagonisti indiscussi i castelli che sorgono sulla cima delle colline delle Langhe e del Roero, con una piacevole novità: la Banca del Vino di Pollenzo.

    Banca del Vino di Pollenzo, dalle 10 alle 18: nelle ottocentesche cantine della Reale Tenuta di Pollenzo, dove oggi circa 300 produttori hanno depositato una parte dei loro migliori vini, il re Carlo Alberto di Savoia ha contribuito alla nascita dei grandi vini piemontesi e alle nuove tecniche di vinificazione, grazie all’esperienza del generale Staglieno, già autore del libro “Istruzione intorno al miglior modo di fare e conservare i vini in Piemonte” e ora a buon diritto nominato direttore della vinificazione.
    Il generale, però, si trova a dover compete in fama con l’enologo Luois Oudart: sarà tra le bottiglie del vino rosso pregiato delle cantine che ci svelerà le sue innovazioni tecniche ma anche i suoi rammarichi.
    Degustazioni di vini a cura della Banca del Vino.
    Contributo per la visita narrata: gratuito per bambini fino a 10 anni, 8 euro per gli adulti; sarà possibile inoltre acquistare ticket degustazione dai 3 ai 5 euro a calice.

    Castello di Magliano Alfieri, dalle 10 alle 18: residenza in posizione dominante sulla valle del Tanaro, fu teatro delle imprese giovanili del futuro drammaturgo Vittorio Alfieri: sarà proprio lui al centro dell’indagine di un suo svampito biografo impegnato a guidarci tra le sale per svelare il mistero del leggendario – e introvabile – dipinto di Cleopatra morsa dalla serpe, che secondo la tradizione ispirò la stesura del “Saul”, proprio nelle stanze del castello di Magliano.
    Degustazioni di vini a cura dei produttori locali Bric Cenciurio e I Calici.
    Contributo per la visita narrata: gratuito per bambini fino a 10 anni, 6 euro per gli adulti; sarà possibile inoltre acquistare ticket degustazione aggiuntivi a 2 euro a calice.

    Castello di Monticello D’Alba, dalle 10 alle 18: una delle più imponenti e meglio conservate costruzioni medievali della zona, grazie anche al fatto che dal 1372 è di proprietà della stessa famiglia, i Roero di Monticello, che ne hanno fatto la loro abituale residenza. Ma dietro all’aspetto di “elegante dimora di campagna” si svelano storie a metà tra la storia e la leggenda. Ad interrompere il puntiglioso lavoro di restauro da parte dell’Architetto Rangone di Montelupo, ci saranno direttamente la Marchesa Paola Del Carretto di Gorzegno ed il Conte Francesco Gennaro Roero, in visita per valutare il progetto di rinnovamento del maniero.
    Degustazioni di vini della Cantina Roero.
    Contributo per la visita narrata: gratuito per bambini fino a 10 anni, 7 euro per gli adulti; sarà possibile inoltre acquistare ticket degustazione aggiuntivi a 2 euro a calice.

    Gli Orari

    Le visite si svolgono dalla 10 alle 18, con partenza ogni ora circa. Non è necessaria la prenotazione, basta recarsi dalle 10 alle 18 nei castelli coinvolti e si verrà inseriti nel primo gruppo di visita in partenza. Vera protagonista dell’evento è la narrazione – e con essa tutte le suggestioni evocate dalla parola recitata: straordinariamente ‘viva’ e realistica, permette al visitatore di diventare parte integrante della scena e interlocutore dei personaggi, in un’emozionante scoperta – o riscoperta – di storie e leggende.

    Non una semplice visita guidata, dunque, ma un evento dove il fil rouge è dato dal racconto. I visitatori sono infatti accompagnati alla scoperta degli edifici, lungo percorsi narrati di visita, dagli stessi personaggi che vissero fra quegli ambienti, grazie alla finzione scenica a cura di attori e narratori che danno voce a figure storiche e leggendarie legate a tali castelli. La forza di Narrar Castelli è rappresentata dall’emozione che sa suscitare nel visitatore.

    E il motore di tale emozione è dato dalla storia stessa di ciascun edificio e delle sue pertinenze, colta in un momento storico particolare e messa in luce a beneficio dei visitatori. I castelli, quasi richiamati alla vita, accolgono nuovamente fra le loro sale e nei loro giardini frotte di persone, come un tempo nobili e servitù, artisti, artigiani, postulanti. Un percorso quindi in grado di coinvolgere non solo gli adulti ma anche i bambini.

    Se vuoi rimanere informato e aggiornato sui nostri articoli inserisci la tua email qui sotto: